Ultima ricerca  
  La lingua dei segni  
  timbrare  
  bobbare  
  sembianza  
  infatti  
  distruttore  
  interessarsi  
  pimpante  
  genitore  
  I dialetti italiani  
  La lingua...  
  imboccare  
  glottologia  
  mucchio  
  La coniugazione...  
  sostenere  
  discutere  
  elaborazione  
  L'ortografia...  
  dunque  
     
  nuove parole  
  onirico  
  punto morto  
  indubitabilmente  
  sembianza  
  fattezza  
  bobbare  
  poetando  
  capzioso  
  pimpante  
  prosecuzione  
     
 
Contatore caratteri di testo · Gioco · Nuova parola · Per il tuo blog
 

La lingua dei segni

La maggioranza delle persone sorde, in Italia, ma anche nelle altri parti del mondo, usa una propria lingua, detta lingua dei segni. Essa si basa sull´uso delle mani, delle espressioni e del movimento del corpo e sfrutta il canale visivo e gestuale per cui il messaggio viene espresso con il corpo e percepito con la vista.

Ogni paese ha una propria lingua dei segni, quindi, si può dire che si tratta di una vera e propria lingua, con una sintassi e con delle determinate lettere, che corrispondono alle nostre lettere e, si può pure dire, che questa lingua ha una propria storia, che è nata in Francia, nella seconda metà del 700. Un educatore, l'Abbè de L'Epèe, che aveva deciso di comunicare con i sui studenti sordi, decide di utilizzare dei segni per insegnare ai suoi studenti la lingua parlata e scritta, aggiungendone dei segni, da lui inventati e corrispondenti ad elementi grammaticali e sintattici della lingua francese. Dopo la sua morte, un altro studioso, Sicard, fece anche altri studi su questa lingua, riguardanti i diversi aspetti della comunicazione umana.

Il primo che fondò un´Università per Sordi al mondo, fu lo statunitense Gallaudet, che affascinato dagli studi fatti in Francia, ci stette un anno e poi ritornò in America, per diffondere qui le sue teorie e la lingua dei segni.

Anche in Italia, in quel periodo si diffuse la lingua dei segni; bisogna dire però, che gli educatori non volendo che questa lingua si diffondesse in ambito educativo, poichè questo si basava soprattutto sull´oralità, avevano proibito lo sviluppo e la diffusione della lingua dei segni nel paese. Essa, però, si diffuse nei corridoi con un conseguente impoverimento linguistico.

Oggi, si può dire, che e la lingua dei segni italiana costituisce la lingua madre dei sordi, non inferiore alla lingua degli udenti. Solo a partire dagli anni sessanta, questa lingua inizia ad essere studiata e considerata come una vera e propria lingua, con un lessico ed una propria grammatica: lo studioso William Stoke fu il primo a dimostrare che questa lingua non è una semplice mimica.

Il segno di una lingua dei segni è composto da 4 componenti principali:
* orientamento,

* movimento

* configurazione,

* luogo (ossia i quattro elementi manuali del segno)



e componenti non manuali:
* espressione facciale,
* postura e

* elementi orali.



Gli elementi orali non sono prettamente appartenenti alla lingua dei segni, poiché sono orali, è quindi labiali. Infine, bisogna dire, che ogni comunità di persone sorde nei differenti paesi, hanno una propria lingua dei segni, quindi, si differenziano come le grandi lingue nazionali, l´inglese, il francese, etc. e, come per queste lingue ci sono traduttori, così anche per la lingua dei segni ci sono dei "traduttori" per farci capire cosa dicono le persone sorde e per far loro capire cosa diciamo.

Il sinonimo alfabeto
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z